Cassola, minaccia con la mannaia: carabinieri sparano

Ubriaco, minaccia i familiari con una mannaia e tenta di resistere ai carabinieri che, per bloccarlo, sono costretti a sparargli alle gambe. Ad essere arrestato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, e attualmente piantonato all’ospedale di Bassano dove si trova ricoverato nel reparto di psichiatria, è Leu Petrica, romeno di 28 anni, pluripregiudicato. Il fatto è avvenuto domenica sera in un appartamento di San Giuseppe di Cassola, dove si trovavano la sua fidanzata, una moldava di 25 anni, la sorella di quest’ultima e suo marito, oltre a tre minori barricatisi nelle camere. L’uomo ha cominciato a brandire un falcetto da macellaio. Di qui la chiamata ai carabinieri che però, per fermarlo, hanno dovuto estrarre la pistola e sparare due colpi all’altezza delle gambe, ferendolo lievemente. Oggi il romeno sarà processato con rito direttissimo.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter