Dai Berici all’Altopiano: appuntamenti di domenica 12 novembre 2017

VICENZA – Si terrà oggi, alle 17.30, a Palazzo Chiericati, la conferenza “La quotidianità degli Etruschi”, a cura del Gruppo Archeologico Centro Ricerche Territorio.
Relatore Valentino Nizzo.

VICENZA – “Non ho l’età” torna oggi in tutte le piazze e vie del centro di Vicenza, come ogni seconda domenica del mese. Gli esercenti della Città di Vicenza sono pronti ad accogliervi! In corso Fogazzaro lo spazio dedicato alla casa, da vivere unendo antico e contemporaneo. Vinile & Brunch dalle 11 alle 15 al Bar Borsa – Basilica Palladiana.

VICENZA – Il Trekking Urbano replica oggi, 12 novembre, con partenza alle ore 14.30 da Piazza Castello.
In occasione della  Giornata del Trekking Urbano, dove il tema proposto a livello nazionale sarà “A passo di trekking tra leggende e misteri” We Tour propone un percorso a Vicenza e nei dintorni:
Leggende, favole, avventure e tradizioni vicentine. Dal centro storico fino al colle di San Bastiano e la Villa Rotonda.

VICENZA – L’Associazione Amici della Bertoliana organizza per oggi, domenica 12 novembre, in Piazza dei Signori a Vicenza il terzo Mercatino del libro usato. Il mercatino darà l’opportunità di acquistare i libri con una cifra ridotta; i fondi raccolti sono destinati a un progetto di restauro e valorizzazione dei manoscritti miniati della civica vicentina.

CALDOGNO – Nell’ambito del Festival Concertistico Internazionale di Vicenza, il terzo appuntamento di questa settimana sarà oggi, a Rettorgole di Caldogno, alle 20.45, con un gruppo di studenti del dipartimento di musica antica del Conservatorio di Vicenza.
Al termine, piccola degustazione di formaggi e vini, a ingresso libero.

VICENZA – Oggi, alle 16.30, Orchestra del Conservatorio per il tradizionale concerto alla chiesa di San Paolo presenta il progetto solista e orchestra. Per quest’edizione del concerto d’autunno è stato scelto un programma sinfonico che vedrà l’esecuzione di un originale programma in cui l’orchestra incontrerà prima il pianoforte, poi il saxofono e infine il bandoneon, nella prospettiva di portare in scena anche strumenti contemporanei.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter