Dai Berici all’Altopiano: appuntamenti di lunedì 16 luglio 2018

VICENZA – Si intitola “TERRESTRI D’ESTATE” ed è il nuovo progetto curato da La Piccionaia nell’ambito di “L’estate a Vicenza”: un festival itinerante che si svilupperà dal 17 al 21 luglio tra il Giardino del Teatro Astra, Piazza delle Erbe e altri luoghi della città con una maratona di eventi e iniziative. Un programma suddiviso in 6 sezioni – teatro, docu-film, immagini, laboratori, itinerari, spizzichi & bocconi – per un festival di teatro urbano dedicato, come sottolineano gli organizzatori, a tutte le età.
Ad inaugurare il festival, martedì 17 luglio in Piazza delle Erbe, sarà la sezione “Immagini”, che attraverso un dialogo ideale tra teatro e arti visive indagherà il mondo dell’illustrazione, in particolare in relazione all’infanzia. Agata Keran, Ale Giorgini, Camilla Sala ed Elia Zardo si confronteranno sul tema durante il forum “Educare alla bellezza”, a cui seguirà il vernissage della mostra internazionale di illustrazione /e.mò.ti.con/ ospitata dallo storico negozio di giocattoli De Bernardini e nata da un bando de La Piccionaia per illustratori under35 sul tema delle emozioni dei bambini. A completare la sezione, /e.mò.ti.con/off con i progetti degli studenti del Liceo Boscardin e dei giovani del Progetto Integrazione Rifugiati della Cooperativa Edeco di Padova, la mostra fotografica di Vaghe Stelle “Territori su due piedi” e l’incontro con Giacomo Verde, uno tra i pionieri della sperimentazione tra teatro e video-arte in Italia.
E ancora, laboratori ludico-creativi per bambini e un workshop di teatro fisico e drammaturgia con Valentina Dal Mas. E un brindisi all’estate con Happy Barco, il bar della Cooperativa Insieme nel Giardino del Teatro Astra.

VICENZA – Una Scuola di Alta Formazione in partnership con l’Università di Padova, docenti universitari e relatori dal mondo economico e della cultura per aiutare i partecipanti a costruire la loro “Arca di Noè” che li preservi dal diluvio digitale: accelerato, irreversibile, sconvolgente per le nuove generazioni e per i mercati. Nessuno, infatti, può chiamarsi fuori dalla tecnologia e la Scuola di Politica ed Economia di Confartigianato Vicenza fornisce proprio gli strumenti per trasformare e reinventare l’offerta dell’impresa artigiana per un mercato che sta cambiando e mettere le “mani in pasta” su cosa significa, per qualsiasi settore e tipologia di azienda, digitalizzare i propri processi produttivi e non. E lo fa attraverso un percorso che consiste in dodici incontri/convegni d’aula, su altrettanti temi caldi in fatto di digitalizzazione, ma anche visite, workshop, testimonianze e laboratori per entrare nel vivo dell’impatto che le nuove tecnologie hanno sulle aziende e sul loro ruolo.
Ci sono ancora pochi posti a disposizione per l’iscrizione all’edizione 2018, “Io sono artigiano: Panorami digitali per le imprese del futuro”, che si svolgerà tra settembre 2018 (prima lezione il 15) e febbraio 2019, in partnership con l’ateneo patavino che riconosce dei crediti formativi ai partecipanti e un attestato.
Per informazioni: www.scuolapoliticaeconomia.it

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter