Dai Berici all’Altopiano: appuntamenti di venerdì 22 giugno 2018

AGUGLIARO – Il Landmark Trust apre Villa Saraceno, sabato 23 giugno, per una giornata di iniziative e raccolta fondi in memoria di Gloria e Marco, i giovani italiani che morirono nel rogo della Grenfell Tower di Londra un anno fa.

Evitabile, forse, inutile certamente no. La morte di Gloria e Marco, i giovani architetti veneti che persero la vita assieme ad altre 85 persone, nel rogo della Grenfell Tower di Londra un anno fa, forse non ci sarebbe stata se non fosse stato ordinato loro di non lasciare l’appartamento, ma la strada delle indagini per arrivare alla verità non sarà breve né semplice, né ridarà loro la vita, togliendo il dolore ai loro familiari e a chi li ha potuti conoscere.

Certamente, però, non sarà successa invano, perché dal quel maledetto giorno gli studi presso i quali avevano trovato un lavoro i due giovani architetti, Peregrine Bryant – Architecture Building & Conservation e Creative Ideas & Architetture Office e le loro famiglie, hanno dato vita ad un Premio e ad una Borsa di studio nel loro nome, con lo scopo di incentivare e promuovere l’istruzione di giovani studenti dello IUAV di Venezia, la loro stessa Università e delle scuole frequentate da Gloria e Marco nel corso della loro vita. Sono nate così la GeM Award e la Grenfellove. Da simbolo di morte, Grenfell Tower diventa simbolo di vita, amore e speranza.

Tra le organizzazioni che sostengono l’ambizioso progetto c’è anche il Landmark Trust, che aprirà le porte di Villa Saraceno, sua proprietà e sede italiana, sabato 23 giugno, per una giornata di eventi finalizzati a raccogliere fondi a sostegno del Premio e della Borsa di studio, realizzati in collaborazione con Grenfellove, Venice in Peril Fund, SPAB (Society for the Protection of Ancient Buildings) e in associazione con il Comune e la Proloco di Agugliaro. A questa iniziativa parteciperanno i genitori di entrambi i ragazzi, Gloria e Marco.

Gloria Trevisan e il suo fidanzato Marco Gottardi si erano trasferiti a Londra per lavorare come architetti. E avevano trovato lavoro presso i due studi e un appartamento al ventitreesimo piano della Grenfell Tower, a nord di Notting Hill.

Sono stati Peregrine Bryant, titolare dello studio dove lavorava Gloria, e i colleghi della giovane ragazza, scioccati dal tragico evento, ad avere l’idea del Gloria and Marco Award: una borsa annuale da 7500 sterline, circa 8500 euro, per aiutare laureati in architettura dello IUAV di Venezia, a iniziare, sulle loro tracce, una nuova esperienza di lavoro in Gran Bretagna. La borsa coprirà viaggio e alloggio nel Regno Unito e offrirà l’opportunità di frequentare alcuni studi di architettura e ingegneria nell’ambito della conservazione, visitare cantieri con funzionari di organizzazioni che si occupano della conservazione di beni architettonici, tra cui The Landmark Trust, per seguire il loro lavoro di supervisione, e partecipare ai corsi per la salvaguardia del patrimonio storico tenuti da RICS and SPAB ogni anno in ottobre.

Ha avuto inizio una raccolta fondi per garantire che la borsa di studio dedicata a Gloria e Marco possa istituzionalizzarsi anche nei prossimi anni.

La prima borsa di studio sarà assegnata sabato 23 giugno a Villa Saraceno e il vincitore inizierà il proprio stage di tre mesi nel Regno Unito già da settembre. Ma il programma della borsa di studio di quest’anno inizierà il 25 giugno proprio a Villa Saraceno, dove il vincitore sarà ospitato per alcuni giorni, in occasione di alcuni lavori di manutenzione, assieme a due giovani architetti inglesi e una neozelandese.

Il 23 giugno a Villa Saraceno sono previste visite guidate la mattina, 10.00-13.00, e il pomeriggio, 18.30-19.30 (con donazioni suggerite di 5 euro per adulti e 3 euro dai 3 ai 16 anni).

A seguire un apericena con musica jazz e uno spettacolo di balletto e poesia (Keyhole dance project, diretto da Matteo Zamperin in collaborazione con Laura Nardi). Per finire sarà proiettato un video e l’architetto Peregrine Bryant illustrerà la Borsa di studio GeM e annuncerà il primo vincitore (donazioni suggerite per il programma del pomeriggio-sera 20 euro adulti e 10 euro dai 3 ai 16 anni).

Nel pomeriggio di lunedì 25 giugno, sempre a Villa Saraceno, seguirà un seminario promosso insieme all’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Vicenza. Traendo spunto dal tragico evento londinese, esperti si confronteranno sul tema Sicurezza e progettazione antincendio di edifici nuovi ed esistenti: un problema complesso, per parlare di cosa significhi applicare la Fire Safety Engineering in Italia, della prevenzione incendi nei beni culturali e del soccorso tecnico urgente nelle aree densamente abitate.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter