Daspo urbano a Vicenza

La giunta comunale di Vicenza ha deciso di applicare il decreto Minniti in tema di “daspo urbano”. Si tratta della possibilità di individuare aree e luoghi della città in cui far scattare l’obbligo di allontanamento per 48 ore nei confronti di chi provoca degrado. Il provvedimento, presto al vaglio del consiglio comunale, interessa il centro storico, Monte Berico, il complesso di Villa Guiccioli, la Basilica dei Santi Felice e Fortunato, La Rotonda, il Teatro Comunale, la Fiera di Vicenza, le zone vicino alle scuole e all’università, nonché le aree verdi. In caso di violazione dell’ordine di allontanamento, è prevista una sanzione da 300 a 900 euro. La persona sarà inoltre segnalata al questore che potrà estendere la durata nel caso ravvisi un pericolo per la sicurezza.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter