La Procura di Vicenza avvisa 9 manager della Miteni per il caso inquinamento da Pfas

Nove avvisi di garanzia sono stati notificati dalla Procura di Vicenza ad altrettanti manager della Miteni di Trissino, nell’ambito dell’inchiesta sull’inquinamento dell’acqua da Pfas. I reati ipotizzati sono quelli di adulterazione dell’acqua e inquinamento ambientale. Destinataria di un avviso di garanzia anche la Miteni stessa, come persona giuridica per illecito amministrativo. La società ha dato piena disponibilità a collaborare nell’inchiesta, allargata anche ai “mini Pfas”, le sostanze a catena corta. Il tratto di torrente Poscola dove la settimana scorsa sono stati trovati dei rifiuti industriali, intanto, è stato posto sotto sequestro. Ieri è iniziato il monitoraggio della popolazione che vive nella zona rossa. I primi ad essere chiamati all’ospedale di Lonigo sono stati sei 14enni. (Radio Vicenza)

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter