Lavoro, Venzo (Confartigianato): “Preoccupa il dato sui giovani”

“Siamo alle solite. Come abbiamo sostenuto in più occasioni, per far crescere l’occupazione le aziende hanno bisogno di un segnale forte sul versante del costo del lavoro, che deve abbassarsi in modo stabile e significativo”. A dirlo è Sandro Venzo, componente della Giunta di Confartigianato Vicenza con delega alle politiche del lavoro, alla lettura degli ultimi dati Istat sull’andamento dell’occupazione a maggio. Dati che mostrano un mercato del lavoro ancora fermo: gli occupati sono in calo di 51mila unità rispetto ad aprile e il tasso di disoccupazione è salito all’ 11,3%. Quella giovanile siattesta addirittura al 37%. A ciò fa da contraltare l’incremento degli occupati ultracinquantenni. “Bisogna liberare nuove risorse che consentano alle aziende di fare più investimenti, anche in termini risorse umane – è l’appello di Venzo –, dando nel contempo la possibilità ai lavoratori di usufruire di un reddito maggiore da spendere sul mercato”.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter