Da Noventa Vicentina a Mestre per morire di overdose di eroina

Un vicentino (di cui per ora non è stato reso noto il nome) è stato trovato cadavere in una stanza d’albergo vicino alla stazione ferroviaria di Mestre. La vittima è un 44enne di Noventa Vicentina, trovato sul letto dal portiere dell’hotel che era andato a bussare per sollecitare l’ospite a lasciare la camera. Inutile l’arrivo del medico del Suem. Sul posto la polizia ha rinvenuto una siringa e altro materiale che proverebbe la morte per overdose di eroina.

Il decesso risalirebbe a sabato scorso, appena un giorno dopo quello di una 21enne mestrina stroncata a sua volta dalla droga, e sarebbe addirittura il settimo nell’entroterra veneziano in neppure tre mesi causato da overdose di eroina. Si tratterebbe di stupefacente caratterizzato da un principio attivo superiore anche di trenta volte rispetto al normale, che gli inquirenti definiscono super-eroina e quindi molto pericolosa. Ma potrebbe trattarsi anche di eroina gialla, ovvero tagliata con un potente analgesico che ha un’efficacia 500 volte maggiore alla morfina. Ora a Mestre e nell’hinterland veneziano le forze dell’ordine sono a caccia degli spacciatori e sotto accusa sarebbe il clan dei nigeriani che negli ultimi tempi ha spodestato quello dei tunisini.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter