Tezze s/B., ferite e arresto per un fucile di fabbricazione artigianale

Avrebbe costruito personalmente un fucile, ma nel maneggiarlo la parte posteriore ha ceduto, facendo partire uno sparo che gli ha provocato lesioni multiple al volto e alla mano destra guaribili in 30 giorni. Il fatto è accaduto ad un 34enne di Tezze sul Brenta lunedì pomeriggio nella sua abitazione. L’uomo è stato curato all’ospedale di Cittadella e poi dimesso. Ora, però, si ritrova agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, per detenzione illegale di materiale da sparo. In passato il tedaroto era già stato colpito dal divieto prefettizio di detenzione di armi e munizioni per comportamenti precedenti in materia di armi non rispondenti a criteri di legge.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter