Vaccini, la Regione Veneto impugna il decreto sull’obbligo

La giunta regionale del Veneto ha dato mandato all’Avvocatura di impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto del Governo che introduce l’obbligatorietà di 12 vaccinazioni entro i primi 16 anni di vita, prevedendo pesanti sanzioni per i trasgressori. Lo ha annunciato il presidente Luca Zaia. “Non mettiamo assolutamente in discussione i vaccini, ma alcuni aspetti del decreto. Le modalità coercitive finiranno per favorire l’abbandono della scelta vaccinale”, afferma il governatore che, all’obbligo e alle multe, preferisce l’informazione e il dialogo. Il decreto, così come è stato formulato dal Governo, inoltre, ignora il vincolo di stipulare prima una intesa con le Regioni per definire le modalità applicative e ripartire i costi del piano di vaccinazioni di massa. “Non ci sono nemmeno i tempi tecnici, le strutture e le risorse per applicare da subito le disposizioni governative”, conclude Zaia.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter