Vicentino flagellato dal maltempo, tutta colpa di Attila!

E’ stata denominata Attila “l’irruzione artica” (così chiamano gli esperti l’ondata di freddo nordico di queste ore) che sta provocando gli eventi legati al maltempo anche nel Vicentino e nel Veneto.

Ma veniamo ai danni e alle notizie di cronaca: in provincia di Vicenza i vigili del fuoco hanno operato tutta la notte per una serie d’interventi causati dal forte vento.

Venticinque gli interventi già effettuati all’alba per alberi, pali e lamiere pericolanti. Altri dieci completati in mattinata.

Un grosso tronco è caduto sopra due auto lungo la SP 80 a Velo d’Astico (nella foto): fortunatamente illesi gli occupanti dei mezzi.

Interventi per il maltempo sono stati effettuati anche a Solagna, Schio, Bassano del Grappa, Valli del Pasubio, Roana, Velo D’astico, Crespadoro, Romano d’Ezzelino, Torrebelvicino, Calvene, Conco, Marostica e Malo.

Da segnalare la bufera di neve a Crespadoro al rifugio Bertagnoli alla Piatta di Campodalbero. Per tutta la notte ed anche in mattinata una vera e propria bufera di vento e neve si è scagliata sulla struttura a 1200 metri di quota ed è continuata in mattinata con raffiche costanti sopra ai 110 km/h (a livello di bora).

Nella serata di ieri da segnalare la nevicata anche sul Grappa e pioggia mista a neve fino a 600 metri.

Questa mattina l’Altopiano di Asiago era imbiancato dalla neve che permane comunque sulle quote più alte.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter